Official Web
La mia prenotazione
La Canova II
La Canova II
,
Prenota Ora
+
Data
camera
Adulti:
Bambini:
2 camera
* sotto i 12 anni
+ Aggiungere camere
Codice promozionale
Data della prenotazione
Adulti
Bambini*
Camera 1
x
Aggiungere camera
Questa pagina web utilizza cookie. Continuando a navigare in essa, si accetta implicitamente l'utilizzo degli stessi.
Home > Escursioni
Condividi

Escursioni
La Canova II

Grazie alla nostra incredibile posizione, potrai godere di tutto la bellezza della toscana.
Il mare
La costa tirrenica della Toscana del Sud è da sempre una delle mete preferite dagli appassionati del mare.La limpidezza delle acque, la pulizia dei litorali, la vicinanza di aree marine protette, ma anche la presenza di strutture ricettive, servizi per i bagnanti, infrastrutture turistiche sempre attente alla salvaguardia dell’ambiente, fanno sì che le spiagge della zona siano sempre in vetta alle classifiche delle più belle e pulite d’Italia.

Circa 25 km di costa composta per 16 km da morbida e finissima sabbia a ridosso della pineta e altri 9 Km. di scogliere spettacolari. In tutto il litorale, è possibile noleggiare piccole imbarcazioni, moto da acqua, windsurf oppure praticare sport acquatici quali immersioni subacquee, sci nautico o vela. Una costa tutta da scoprire!
La Pineta del Tombolo
Si tratta di un’area costiera di forma approssimativamente rettangolare, caratterizzata dalla presenza di un’ampia e maestosa pineta a pino domestico. Dalla documentazione storica esistente pare che questa sia una delle più antiche pinete litoranee italiane, sviluppatasi originariamente sul tombolo costiero che separava l’antico Lago Prile dal Mar Tirreno; il suo assetto attuale risale comunque al periodo delle grandi bonifiche del governo lorenese (1840-1860).

Nel lato a mare la pineta si continua in una fascia di vegetazione retrodunale e dunale tra le più importanti della Toscana, sia per estensione che per varietà di specie. L’area è percorsa longitudinalmente dalla S.S. 322, dalla quale si può osservare il canale S. Leopoldo, detto anche Fiumara, costruito agli inizi del secolo scorso. Di epoca ancora più antica (1761) è il Forte delle Marze, situato sulla costa circa 2 Km a S di Castiglione della Pescaia ed oggi adibito a residenza privata. La pineta del tombolo si estende tra i centri abitati di Castiglione della Pescaia a Nord e Marina di Grosseto a Sud.
La diaccia botrona
La palude della Diaccia-Botrona costituisce il residuo di una zona umida molto più ampia, estesa in origine da Castiglione della Pescaia fino a Grosseto, e caratterizzata dalla commistione delle acque marine ad elevata salinità con le acque dolci dei fiumi Bruna ed Ombrone. In seguito alle opere di bonifica eseguite in periodi storici relativamente recenti una larga parte dell’area è stata trasformata in pianura coltivabile. L’ultimo intervento progettato per questa zona (e mai portato a termine) prevedeva la realizzazione di due grandi casse di colmata, la Diaccia e la Botrona, che avrebbero dovuto essere invase dalle acque limacciose dell’Ombrone e bonificate per colmata. Questo assetto territoriale è tuttora evidente nella morfologia locale. L’area della Diaccia-Botrona può apparire a prima vista un ambiente piatto ed omogeneo, a causa della quasi completa assenza di alberi ed arbusti ai margini degli specchi d’acqua (come ad esempio le tamerici, un tempo abbondanti); essa tuttavia si compone di un mosaico di microambienti estremamente interessante, che appare con maggiore evidenza dall’Isola Clodia, unico rilievo della zona, e dalla Casa Rossa, edificio storico della bonifica maremmana. Dal 1995 la zona palustre è divenuta Riserva Naturale, inserita nel 1° Programma regionale per le aree protette della Regione Toscana. La Diaccia-Botrona è situata a ridosso di un tombolo costiero coperto da una pineta matura a pino domestico, nella pianura situata alle spalle del paese medievale di Castiglione della Pescaia.